Liquid error (sections/custom_mobile-menu line 86): Expected handle to be a String but got LinkListDrop
  • Group 27 Login

Oltre la creazione: l'ottavo giorno e l'incontro che deve ancora venire

L'ottavo giorno" - quale ottavo giorno? Secondo l'interpretazione letterale, si riferisce all'ottavo giorno dopo i sette giorni durante i quali Aronne e i suoi figli sedettero all'ingresso della tenda del convegno prima della consacrazione del Tabernacolo. Poi, la consacrazione del Tabernacolo è avvenuta l'ottavo giorno, ma questo non ci soddisfa pienamente perché quando il lettore ebreo legge la Torah «l'ottavo giorno», gli risuona il settimo giorno della creazione del mondo. La Torah ci dice nel brano della Genesi che quando il Santo, Benedetto sia Lui, "riposò", cioè cessò di creare, noi entrammo nel settimo giorno, e la Torah non dice che il settimo giorno finì. possiamo apprendere che tutta la storia è racchiusa nel settimo giorno della creazione del mondo, e anticipiamo la comparsa dell'ottavo giorno della creazione, in cui l'uomo e il Santo, Benedetto sia Lui, si incontrano faccia a faccia. Qui, la consacrazione del Tabernacolo è stata l'occasione per l'emergere dell'ottavo giorno - "L'ottavo giorno." Cioè, almeno nel Tabernacolo, arriviamo a un mondo in cui l'incontro tra il Creatore e il creato è possibile. Tuttavia si è verificato un incidente. Si può dire che l'incidente di Nadab e Abihu abbia leggermente sconvolto il piano, quindi siamo ancora al settimo giorno, e solo chi merita di entrare nel Tempio merita anche di incontrare faccia a faccia con il Creatore l'ottavo giorno, che è contratto al luogo del Tempio. Non si può però dire che sia stato un fallimento assoluto.

Nadab e Abihu pagarono un prezzo alto a causa dell'ispirazione della Presenza Divina nel Tabernacolo. Ma grazie a questa ispirazione è avvenuto l'incontro tra due Torah: la Torah di Mosè e la Torah di Aronne. Finora, nelle porzioni, abbiamo visto parti della Torah di Mosè, che esige che l'uomo sia perfetto, governato dall'intelletto. Non ci sono peccati secondo la Torah di Mosè. Al contrario, la Torah di Aronne è amichevole nei confronti del popolo di Israele; una persona può peccare e fallire, ma anche se fallisce c’è una soluzione e l’espiazione è possibile. E questa è la Torah di Aronne. E qui nella nostra porzione, vediamo una disputa halachica dopo la morte di Nadab e Abihu, come quando Mosè comanda una cosa, e Aronne e i suoi figli ne fanno un'altra. Mosè arriva con accuse gravi: perché trasgredite la parola di Dio che vi ho trasmesso? E poi Aronne, in una disputa halachica, dice a Mosè, ti sbagli nel comprendere ciò che stai trasmettendo. Cioè qui si rivela qualcosa di incredibile: la parola di Dio è trasmessa da Mosè; l'interpretazione della parola di Dio dipende dalla Casa di Studio, e nella Casa di Studio Mosè e Aronne sono uguali, e nel nostro caso la legge segue le parole di Aronne. Ciò significa che la Presenza Divina, precedentemente in cielo, è scesa sulla terra. Ma dove diavolo? Alla Casa di Studio. La rivelazione divina continua nella Casa di Studio e la Torah orale viene tramandata di generazione in generazione.

More Weekly Portions

Legami materni e invidia
Effetti psicologici nella tradizione ebraica [Tazria]

Approfondendo Parshat Tazria, questo studio approfondisce le leggi della Torah che circondano l'impurità e le offerte per il peccato dopo il parto nel giudaismo, contrastando le prospettive cristiane. Esamina gli impatti psicologici dei rituali del parto, inclusa l'invidia madre-figlio, e il significato dei voti di espiazione per le madri. Comprendere le complessità del parto nella tradizione ebraica offre spunti sia sulle pratiche religiose che sugli effetti psicologici sugli individui.

Oltre la creazione: l'ottavo giorno e l'incontro che deve ancora venire

Questo articolo approfondisce l'interpretazione della Torah, esaminandone le sfumature nel contesto del Tabernacolo, dell'incidente di Nadab e Abihu e della Torah orale studiata nella Casa di Studio. Mette in luce l'intrigante disputa tra Mosè e Aronne, facendo luce sulle differenze tra la Torah di Mosè, che sottolinea la perfezione, e la Torah di Aronne, che offre l'espiazione.

Armonia nella devozione: bilanciamento tra atti volontari e obbligatori nel giudaismo

Indagare le differenze sfumate tra le porzioni Vayikra e Tzav Torah, analizzando la dinamica delle offerte volontarie di Nedavah rispetto ai sacrifici comandati nel giudaismo. Esamina l'intricato equilibrio tra il mantenimento delle intenzioni pure nell'esecuzione delle Mitzvot, riflettendo sugli aspetti unici dei sacrifici di Olah e Shelamim. Scopri il significato più profondo dell'ordine di offerta nella Torah, chiarendo l'interazione tra azioni volontarie e obbligatorie nella tradizione ebraica.

Search