Liquid error (sections/custom_mobile-menu line 86): Expected handle to be a String but got LinkListDrop
  • Group 27 Login

Viaggio verso la santità e rito nel Tabernacolo

Rispetto alla Parashat Terumah, dove il versetto parla della costruzione del Tabernacolo dai contributi volontari di ogni individuo, "da ogni persona il cui cuore lo ispira alla generosità, prenderai la Mia offerta", nella Parshat Tetzaveh, abbiamo un comandamento! "E comanderai ai figli d'Israele" - non più facendo affidamento sui contributi volontari dell'individuo ma avendo bisogno di comandarli. C'è una differenza tra le cose portate come donazione e quelle rimanenti, come i filati d'oro, d'argento, blu e viola, che rimangono tutti nel Tabernacolo per molti anni. Ciò è in contrasto con Parshat Tetzaveh, che parla di oggetti deperibili. Ad esempio, l'olio posto nella menorah, ogni giorno deve essere messo olio fresco. L'inclinazione naturale delle persone a donare è, ad esempio, quella di costruire un edificio sul quale verrà scritto il nome del donatore. Ma pagare il pranzo che esiste oggi e non esisterà domani è più complicato. Qui è necessario un comandamento poiché Parshat Tetzaveh parla di un basso livello di disponibilità delle persone a partecipare alla santità. No, perché cosa dice il versetto? "e ti porteranno puro olio d'oliva." Cioè, inizialmente dai un comando. Tuttavia, tu risvegli la generosità spontanea dei figli d'Israele, «e ti porteranno olio puro d'oliva, franto per l'illuminazione, per accendere continuamente le lampade», quindi c'è anche una strategia educativa. Iniziamo con un comando e lentamente.
Stava tornando alla generosità. C'è un'aggiunta in questa porzione che dobbiamo ancora trovare nella Parshat Terumah: l'altare dell'incenso. C'è l'incenso nel Tabernacolo; cosa offre questo incenso? Dà un buon odore. L'uomo ha cioè bisogno di stimoli soggettivi che lo colleghino alla santità. Ha bisogno delle vesti sacerdotali per onore e gloria. C'è un legame con la santità che passa attraverso l'azione della fantasia e l'odore dei vestiti; tutte queste sono una novità del Parshat Tetzaveh per qualcuno il cui lavoro intellettuale non è soddisfacente, e ha bisogno anche dell'azione dell'immaginazione.

More Weekly Portions

Legami materni e invidia
Effetti psicologici nella tradizione ebraica [Tazria]

Approfondendo Parshat Tazria, questo studio approfondisce le leggi della Torah che circondano l'impurità e le offerte per il peccato dopo il parto nel giudaismo, contrastando le prospettive cristiane. Esamina gli impatti psicologici dei rituali del parto, inclusa l'invidia madre-figlio, e il significato dei voti di espiazione per le madri. Comprendere le complessità del parto nella tradizione ebraica offre spunti sia sulle pratiche religiose che sugli effetti psicologici sugli individui.

Oltre la creazione: l'ottavo giorno e l'incontro che deve ancora venire

Questo articolo approfondisce l'interpretazione della Torah, esaminandone le sfumature nel contesto del Tabernacolo, dell'incidente di Nadab e Abihu e della Torah orale studiata nella Casa di Studio. Mette in luce l'intrigante disputa tra Mosè e Aronne, facendo luce sulle differenze tra la Torah di Mosè, che sottolinea la perfezione, e la Torah di Aronne, che offre l'espiazione.

Armonia nella devozione: bilanciamento tra atti volontari e obbligatori nel giudaismo

Indagare le differenze sfumate tra le porzioni Vayikra e Tzav Torah, analizzando la dinamica delle offerte volontarie di Nedavah rispetto ai sacrifici comandati nel giudaismo. Esamina l'intricato equilibrio tra il mantenimento delle intenzioni pure nell'esecuzione delle Mitzvot, riflettendo sugli aspetti unici dei sacrifici di Olah e Shelamim. Scopri il significato più profondo dell'ordine di offerta nella Torah, chiarendo l'interazione tra azioni volontarie e obbligatorie nella tradizione ebraica.

Search