Liquid error (sections/custom_mobile-menu line 86): Expected handle to be a String but got LinkListDrop
  • Group 27 Login

Purezza della parola: il ruolo della parola nei rituali di purificazione di Metzora

Il Metzora può purificarsi. L'essenza di Parshat Metzora risiede nelle leggi del Metzora nel giorno della sua purificazione. La Torah definisce il Metzora come qualcuno che è isolato dalla società a causa delle sue azioni e del suo comportamento morale, come afferma il versetto: "Dimorerà da solo; fuori del campo." Questo isolamento contrasta nettamente con lo stato iniziale della persona, in cui faceva parte della comunità. Tuttavia, questo stato di isolamento non è permanente. La Torah fornisce un percorso verso la redenzione e la reintegrazione nella società attraverso l'autoriflessione e la purificazione. 

Dopo che una persona si siede fuori dal campo, fa il punto della sua anima. E chi fa il punto della propria anima è di nuovo degno di rientrare nella società. Per rientrare nella società deve portare due piccioni. Il Cohen massacra un uccello. Il secondo uccello, quello vivo, viene intinto nel sangue dell'uccello sgozzato e mandato in aperta campagna.

 Cos'è questa cerimonia? Ci ricorda ciò che accade nel tempio durante lo Yom Kippur. Una capra viene portata sull'altare. Un’altra capra, invece, viene mandata in campo aperto. Quando viene mandato in campo aperto, crolla e muore tra le rocce. Esiste una cerimonia simile per la purificazione della Metzora. L'uccello vivo intinto nel sangue dell'uccello sgozzato, questo uccello pieno di sangue, viene sbranato da altri animali.

Cosa vuole insegnarci questo? Nello Yom Kippur attribuiamo valore alle forze "tempestose", questa capra dalla parola "tempesta" (Sai'r). E quelle forze tempestose vengono valorizzate al punto da entrare nel Santo dei Santi. Al contrario, una parte delle forze tempestose deve essere mandata fuori, in campo aperto, ad Azazel per morire.

 Troviamo lo stesso principio riguardo al potere di parola di una persona: parte di esso è santo e parte è impuro. Ciò che è sacro è degno di entrare nel Santo dei Santi, e ciò che è impuro deve essere "gettato fuori" in campo aperto.

 Come parte della preparazione di una persona al ritorno nella società umana, è necessario che la persona si relazioni alla sua tenda – la sua casa privata – come a un Santo dei Santi, a un santuario. All'interno di questo santuario, deve comportarsi in modo appropriato e sottoporsi ad uno "Yom Kippur" personale.

Nota finale: la festa della Pasqua ebraica, in ebraico, è composta da due parole: "Peh—Sach". La bocca parla e anche mangia, dando vita alla persona. Durante le vacanze di Pasqua la questione è se la bocca si comporta negativamente, soggetta a ogni sorta di inclinazioni, o se è libera e dice cose benefiche. Che sia una festa piena di libertà e luce per te e tutta la tua famiglia.

More Weekly Portions

Expanding Horizons:
How Jewish Festivals Evolve Beyond Biblical Times
[Emor]

Parashat Emor highlights the high-volume sanctity of times and places, listing key Jewish festivals connected to the Temple as discussed in Leviticus. It addresses how Moses communicated these to the Children of Israel, and introduces long-tail concepts like the addition of festivals beyond the Torah's scope. The narrative links the Menorah and the Temple to new celebrations such as Hanukkah, and connects the showbread ritual to Purim, indicating evolving traditions that continue to sanctify time through historical and divine revelations.

Sbloccare la santità: un risveglio spirituale

Esaminando il comandamento della santità, l'articolo ne approfondisce gli aspetti relazionali, sottolineando la necessità che gli esseri umani emulino il divino nelle loro interazioni. Discute il significato di amare gli altri, se stessi e il Creatore, attingendo alle interpretazioni talmudiche per sottolineare l'interconnessione di queste dimensioni. Promuovendo relazioni olistiche, gli individui possono adempiere ai propri doveri morali e raggiungere un senso di completezza nella propria identità morale.

From Wilderness to Promised Land
The Evolution of Kosher Meat Consumption
[Aharei Mot]

In Parshat Achrei Mot, the Torah restricts meat consumption in the wilderness to prevent idolatry. Only kosher animal sacrifices within the Tabernacle were permitted. Unauthorized slaughter was considered a serious transgression, akin to murder. Upon entering the Land of Israel, the Israelites were allowed to consume "meat of desire" anywhere, symbolizing the expanded sacred space of the Tabernacle and Temple.

Search