Liquid error (sections/custom_mobile-menu line 86): Expected handle to be a String but got LinkListDrop
  • Group 27 Login

Parshat Re'e
Parshat Re'e - Isolamento israeliano

Tra i tanti argomenti trattati in Re'eParshat, la Torah ci insegna “falso profeta.'

Un "falso profeta" si riferisce a una persona che sembra degna di profezia. Non sembra essere uno sciocco, una persona debole di mente o una persona cattiva. Si riferisce a qualcuno che, in base alle nostre informazioni iniziali, sembra degno di profezia. Tuttavia, quando parla, la sua profezia contraddice la Torah come Legge di Mosè. Ad esempio, se insegnano ad adorare altri dei, a cambiare la Torah o ad abolire la Torah, la Torah ci insegna che, nonostante tutte le indicazioni precedenti, questa persona è davvero un falso profeta.

Nell'episodio di questa settimana, apprendiamo che non c'è nulla da temere da una persona del genere. Ci viene detto che anche se compie un segno o un miracolo per dimostrare la sua missione, ci viene detto di non prendere per falsa la sua profezia. Sorprendentemente no perché non ha abilità. È infatti possibile che qualcuno non solo abbia un 'potere' straordinario, ma che Dio stesso aiuti con la sua mano a portare la buona novella nel mondo e quindi gli dia qualche abilità straordinaria.

Nonostante i "cosiddetti" miracoli, questo "falso profeta" non riesce a convincere gli israeliti. È perché l'intero popolo d'Israele si trovava sul Sinai che Dio ha rivelato la Torah. Non c'è mai stato un uomo al mondo che sia stato in grado di realizzare un evento paragonabile per valore o impatto allo stato del Monte Sinai..  Qui, in Parshat Re'e, la Torah ci dice che i segni ei prodigi compiuti da un tale profeta che contraddice la Torah vengono solo per verificare se amiamo Adonai, il Creatore, con tutto il nostro cuore e tutta la nostra anima. Il popolo di Israele è così protetto da qualsiasi influenza religiosa, mistica o di altro tipo che possa negare o contraddire gli insegnamenti della Torah di Mosè. È questo che attribuisce al popolo d'Israele lo status di custodi il cui compito è di preservare l'autenticità della parola di Dio per il mondo intero.

More Weekly Portions

Verità ed empatia: l'atto di bilanciamento della leadership

Nella porzione della Torah, Ki Tisa, si svolge l'episodio del vitello d'oro, mettendo in luce i temi intrecciati della leadership, del peccato e della redenzione. Moses e Aaron esplorano le conseguenze, mettendo in mostra l'approccio educativo unico di Aaron, che integra il dire la verità con l'empatia. Attraverso le loro azioni, la narrazione illustra il profondo potenziale di rettifica e di seconde possibilità, sottolineando l'importanza della connessione di fronte agli errori e perseguendo la crescita spirituale.

Viaggio verso la santità e rito nel Tabernacolo

Esaminando l'essenza del Tabernacolo, questo articolo chiarisce la dinamica tra contributo e comandamento, sottolineando il loro ruolo nella santità e nel sacerdozio. Approfondisce le sfumature delle differenze tra i due, sottolineando il profondo significato dell'incenso all'interno del Tabernacolo. Inoltre, discute di come il servizio al Tabernacolo trascende i rituali, influenzando la vita quotidiana e le norme sociali, offrendo approfondimenti sull'impatto duraturo delle pratiche antiche sulla spiritualità contemporanea.

Santuario interiore: profonda connessione con il Divino nell’Ebraismo

Scopri il profondo simbolismo della struttura dell'anima di Mosè e la sua rilevanza oggi, insieme all'antica pratica del sacrificio animale all'interno del Tabernacolo. Scopri come costruire un santuario spirituale nella tua vita, attingendo alle ricche tradizioni del giudaismo. Ottieni informazioni dettagliate sulla dimora di Dio come raffigurata nella Bibbia ebraica, favorendo una comprensione più profonda della connessione con il Divino nella pratica religiosa contemporanea.

Search