Liquid error (sections/custom_mobile-menu line 86): Expected handle to be a String but got LinkListDrop
  • Group 27 Login

Parshat Ki Tetze:
la tua bocca, santifica ciò che esce e ciò che entran

Parshat Ki Teitzei è pieno di comandamenti, una grande quantità di comandamenti. Tuttavia, questa volta, ne affronteremo solo una piccola parte, con implicazioni etiche significative.

Innanzitutto, l'importanza della parola. La Torah insegna:

 "Quando fai un voto ad Adoani, il tuo Dio, non tardare ad adempierlo. Per Adonai, il tuo Dio te lo chiederà sicuramente e sarai colpevole di peccato."

In altre parole, una persona è tenuta a sostenere il proprio discorso. Il discorso è davvero una cosa seria. Da un lato, si può dire che parlare è la cosa più facile da fare per una persona! Non c'è quasi alcuno sforzo necessario per pronunciare parole dalla nostra bocca. Eppure la parola, come aspetto essenziale della natura umana, diventa così seria che la Torah avverte persino che il mancato rispetto di un voto è un peccato.

Quindi, in alternativa, forse è meglio non pronunciare affatto i voti? A questo, la Torah risponde: sì, lo èÈ  preferibile. "Ma se ti astieni dal fare un voto, lo farainon essere colpevole. Qualunque cosa le tue labbra pronuncino devi assicurarti di fare, perché hai fatto il tuo voto liberamente ad Adonai tuo Dio con la tua stessa bocca." Ciò significa che se scegli di fare un voto a Dio, allora devi mantenere ciò che dici, anche se Dio è disposto anche per tenon per fare il voto.

Subito dopo, il testo passa ad altro, anch'esso relativo alla bocca. La nostra bocca ha due scopi: parlare e mangiare. Devi sostenere il tuo discorso, ma devi anche prenderti cura degli aspetti legati al cibo di coloro che lavorano per te.

Sta scritto: "Quando entrerai nella vigna del tuo prossimo, potrai mangiare uva a sazietà, ma non metterne nel paniere". In altre parole, il proprietario della vigna che dà lavoro a qualcuno non può impedire al lavoratore di mangiare l'uva. Ciò costituirebbe un elemento di crudeltà. Sarebbe sbagliato se una persona si prendesse cura del sostentamento degli altri nella coltivazione della propria vigna, impedendo ai suoi lavoratori di impegnarsi nel proprio sostentamento,

Tuttavia, al contrario, è anche vietato al lavoratore sfruttare cinicamente questo. Riguardo all'operaio si dice: "Ma non devi metterne nel tuo vaso". In altre parole, non devi portare a casa queste uve. Lo stesso principio si applica a: "Quando entri nel grano del tuo vicino, puoi cogliere le spighe con la mano, ma non mettere la falce nel grano del tuo vicino". Ciò significa che durante il tuo lavoro puoi utilizzare le risorse del proprietario, ma fallonontrasformati in un ladro.

Quindi, abbiamo una completa integrazione qui dove la Torah parla della santità di ciò che vienefuoridella tua bocca ma affronta anche la responsabilità del datore di lavoro per ciò che vainla bocca dei suoi operai.

 Parole chiave dell'articolo fornito:

  1. Discorso: l'articolo sottolinea l'importanza del discorso, discutendo il significato di fare voti e l'obbligo di sostenere le proprie parole.
  2. Voto: il concetto di emettere voti e adempierli è un tema centrale dell'articolo, che evidenzia le implicazioni etiche e le responsabilità associate ai voti.
  3. Sostentamento: l'articolo discute la responsabilità dei datori di lavoro di provvedere al sostentamento dei propri lavoratori, affrontando considerazioni etiche relative al cibo e al sostentamento.
Questa pagina è stata tradotta da Google translate
Se desideri aiutarci con le traduzioni, contattaci all'indirizzo: Site@Britolam.community

More Weekly Portions

Expanding Horizons:
How Jewish Festivals Evolve Beyond Biblical Times
[Emor]

Parashat Emor highlights the high-volume sanctity of times and places, listing key Jewish festivals connected to the Temple as discussed in Leviticus. It addresses how Moses communicated these to the Children of Israel, and introduces long-tail concepts like the addition of festivals beyond the Torah's scope. The narrative links the Menorah and the Temple to new celebrations such as Hanukkah, and connects the showbread ritual to Purim, indicating evolving traditions that continue to sanctify time through historical and divine revelations.

Sbloccare la santità: un risveglio spirituale

Esaminando il comandamento della santità, l'articolo ne approfondisce gli aspetti relazionali, sottolineando la necessità che gli esseri umani emulino il divino nelle loro interazioni. Discute il significato di amare gli altri, se stessi e il Creatore, attingendo alle interpretazioni talmudiche per sottolineare l'interconnessione di queste dimensioni. Promuovendo relazioni olistiche, gli individui possono adempiere ai propri doveri morali e raggiungere un senso di completezza nella propria identità morale.

From Wilderness to Promised Land
The Evolution of Kosher Meat Consumption
[Aharei Mot]

In Parshat Achrei Mot, the Torah restricts meat consumption in the wilderness to prevent idolatry. Only kosher animal sacrifices within the Tabernacle were permitted. Unauthorized slaughter was considered a serious transgression, akin to murder. Upon entering the Land of Israel, the Israelites were allowed to consume "meat of desire" anywhere, symbolizing the expanded sacred space of the Tabernacle and Temple.

Search