Liquid error (sections/custom_mobile-menu line 86): Expected handle to be a String but got LinkListDrop
  • Group 27 Login

Un viaggio nel regno metafisico e nell'unicità del destino di Israele

La Parshat Bo si apre con le ultime tre piaghe sull'Egitto. Sorge una domanda: perché dividere le piaghe in 7 nella Parasha precedente e 3 nella nostra? La risposta è semplice: sembra comportare un diverso tipo di chiarimento. Le prime 7 piaghe dimostrarono al Faraone che il popolo di Israele ha un ruolo unico nella storia. Ma questo potrebbe sollevare metafisicamente la seguente domanda: chi ha detto che la divisione tra Israele e le nazioni sia vera anche in senso assoluto? Forse è solo un incidente storico. Nel corso della storia, Israele ha dimostrato di essere una nazione unica, ed è per questo che vuole lasciare l’Egitto. Ma forse sul piano cosmico non c'è differenza tra Egitto e Israele? Ecco perché sono necessarie le piaghe: per ricreare il processo della creazione.

Il processo della creazione si compone di tre parti: la decisione divina, la decisione primaria di creare il mondo. Poi la creazione del “vuoto” – lo spazio in cui il mondo può apparire, e infine la moltiplicazione della moltitudine degli “esistenti”. Nelle piaghe è esattamente l’ordine opposto: la cavalletta, rappresenta il potere della moltiplicazione. Le locuste danneggiano l’Egitto ma non danneggiano Israele. Se è così, vediamo che già all'inizio della moltiplicazione dell'esistente c'è una distinzione tra Israele ed Egitto.

Il faraone chiede: “Ma che dire del 'vuoto'? C’è una differenza tra Israele ed Egitto nel “vuoto”?” Quindi, viene portata l'oscurità. L’oscurità fa una distinzione, “ma per tutti i figli d’Israele c’era la luce nelle loro dimore”. Tuttavia, sostiene il Faraone, chi ha detto che fin dall'inizio l'intenzione divina è quella di fare una distinzione? Su questo arriva una piaga che colpisce il “principio” – i primogeniti “Egli colpì ogni primogenito in Egitto, primizia del loro vigore nelle tende di Cham”.

Dopo la piaga dei primogeniti, che chiarisce una differenza assoluta tra Israele ed Egitto, il faraone ne è convinto. Manda gli Israeliti e dice: "Andate, servite il Signore, come avete detto... e benedite anche me". Ciò dimostra che c'è stata una svolta nella comprensione del Faraone: esiste un destino speciale per Israele. Sebbene il popolo egiziano non lo capisse esattamente: "E il faraone mandò il popolo", scacciato dal popolo ed espulso dall'Egitto, "perché dicevano: 'Siamo tutti morti'", il faraone, che stava in cima alla piramide, capisce che la speranza del mondo è la nazione israelita, e perciò li manda via volentieri.

More Weekly Portions

Integrating Personal and Communal Well-Being through Torah
[Nasso]

Parshat Nasso addresses individual and family issues while emphasizing the collective unity through the Priestly Blessing. This blessing, structured in three levels, reflects a balance between material and spiritual needs: "May HaShem bless you and watch over you." for wealth, "May HaShem cause His countenance to shine to you" for spiritual illumination through Torah, and "May HaShem lift up His countenance upon you and grant you peace" for the deep connection of Nefesh, Ruah, and Neshama. The Torah guides to integrate personal and communal well-being harmoniously.

Beyond the Count: Individual Worth and Collective Unity
[Bemidbar]

Parshat Bamidbar discusses the commandment to count the Israelites, focusing on those eligible for the army. This count underscores the tension between collective and individual identities. The Torah uses the expression "number of names," signifying the importance of both the collective and the individual. The Torah teaches that true unity blends these aspects, with the collective gaining meaning through each individual's uniqueness. This concept is reflected in the principle of "generalization and specification" in scriptural interpretation, with hidden meanings in the numbers, explored through the gematria.

Tears of Exile, Seeds of Hope: The Unbreakable Bond Between God and Israel
[Bechukotai]

Parashat Bechukotai discusses the covenant between God and Israel, emphasizing the importance of repentance for redemption. The Talmudic debate between Rabbi Eliezer and Rabbi Yehoshua delves into whether redemption is contingent on teshuva. Rashi's commentary interprets the ambiguous term "או" to support both views. This dual perspective highlights the Torah's open interpretation, showing that redemption can depend on human repentance or divine promise, reflecting a complex interplay of conditions in Judaism's understanding of historical progress.

Search