Liquid error (sections/custom_mobile-menu line 86): Expected handle to be a String but got LinkListDrop
  • Group 27 Login

Viaggio verso la santità: il significato spirituale del sacrificio nel Levitico

Il libro del Levitico, noto anche come il libro delle offerte, e il libro di Cohen (sacerdozio). E in particolare nella parte di Vayikra, inizia con una domanda: qual è il significato di offrire sacrifici? A prima vista, questa è una reliquia dei tempi antichi, dove i sacrifici avevano un significato. Ma perché anticipiamo ancora la rinascita del culto sacrificale in futuro, con l'imminente costruzione del Tempio nei nostri tempi? Torneremo a offrire sacrifici?

 Per capire questo, dobbiamo esaminare attentamente i versetti: "Parla ai figli d'Israele e di' loro: Quando uno di voi porta un sacrificio al Signore" Se guardiamo questo versetto obiettivamente, si può capire semplicemente che una persona vuole offrire se stessa, non l'animale che porta all'altare. "Quando un uomo [fra voi] porta un sacrificio al Signore", chi o cosa è l'offerta? E quale sarà il risultato? Cosa succede quando una persona vuole offrirsi? "dagli animali, dal bestiame o dal gregge porterai il tuo sacrificio." In altre parole, apprendiamo che il sacrificio è un sostituto della persona. La persona sacrifica un animale come sostituto di se stesso. A causa del peccato, dovette sacrificare se stesso e fu redento attraverso l'offerta. C'è qui un parallelo nel contesto più ampio della legge israelita, tratto dalla storia della legatura di Isacco. Isacco, in quanto incarnazione dell'attributo della giustizia, desidera sacrificare se stesso. Non c’è alcun problema per Isacco ad essere quello sacrificato sull’altare a causa del suo intenso desiderio, della sua sete metafisica e del suo desiderio di Dio. 

Di conseguenza Isacco desidera offrire se stesso. Se è così, c'è l'aspettativa che qualcuno, ad un certo punto, vorrà avvicinarsi a Dio, da qui la frase "Quando qualcuno di voi porta un'offerta al Signore". Ma proprio come nella Legatura di Isacco, si dice di non sacrificare; l'Onnipotente non desidera un sacrificio umano; Vuole che l'uomo viva. Pertanto, fornisce un ariete al posto di Isacco.

Allo stesso modo, quando esprimiamo il nostro desiderio di essere un sacrificio a Dio, quello è proprio il momento di vivere. Chi è disposto a sacrificare la propria vita esprime con ciò che la vita è importante. Pertanto: "Porterai la tua offerta dal bestiame, dalla mandria e dal gregge". Ci sono molti dettagli nelle leggi dei sacrifici; Voglio soffermarmi solo su uno di essi. Esiste una halacha (legge ebraica) sull'offerta di un toro quando il Sinedrio, i saggi della nazione di Israele, fornisce istruzioni legali errate. Quindi, c’è una grande domanda sull’offerta di un simile sacrificio.

Da ciò deriva una cosa fondamentale: anche i saggi possono sbagliare. La Torah non loda nessuna persona come se fosse Dio, che non commette errori. Anche il nostro insegnante Mosè ha commesso un errore, come menzionato nella Torah. È molto importante sapere cosa ci obbliga e quali sono le norme morali. Una persona non dovrebbe essere divinizzata; solo il Santo, benedetto sia Lui, è infallibile, mentre un essere umano può errare.

More Weekly Portions

Purezza della parola: il ruolo della parola nei rituali di purificazione di Metzora

Esaminando il rituale di purificazione di Metzora all'interno dello Yom Kippur, l'articolo indaga le sfumature simboliche del Santo dei Santi e di Azazel. Analizza il potere della parola, contrapponendo la sua santità all'impurità. Inoltre, discute il viaggio di reintegrazione di Metzora, evidenziando il rituale dei due uccelli come momento cruciale. Questa esplorazione offre approfondimenti sulle antiche tradizioni e sulla loro rilevanza per il discorso spirituale contemporaneo.

Legami materni e invidia
Effetti psicologici nella tradizione ebraica [Tazria]

Approfondendo Parshat Tazria, questo studio approfondisce le leggi della Torah che circondano l'impurità e le offerte per il peccato dopo il parto nel giudaismo, contrastando le prospettive cristiane. Esamina gli impatti psicologici dei rituali del parto, inclusa l'invidia madre-figlio, e il significato dei voti di espiazione per le madri. Comprendere le complessità del parto nella tradizione ebraica offre spunti sia sulle pratiche religiose che sugli effetti psicologici sugli individui.

Oltre la creazione: l'ottavo giorno e l'incontro che deve ancora venire

Questo articolo approfondisce l'interpretazione della Torah, esaminandone le sfumature nel contesto del Tabernacolo, dell'incidente di Nadab e Abihu e della Torah orale studiata nella Casa di Studio. Mette in luce l'intrigante disputa tra Mosè e Aronne, facendo luce sulle differenze tra la Torah di Mosè, che sottolinea la perfezione, e la Torah di Aronne, che offre l'espiazione.

Search