Liquid error (sections/custom_mobile-menu line 86): Expected handle to be a String but got LinkListDrop
  • Group 27 Login

Liberazione sotto la superficie: anime, abbondanza e gerarchia nella Torah

La parashà di Mishpatim tratta ampiamente di leggi e regolamenti sul corretto ordine della società umana. Uno dei principi più significativi è l’obbligo di eliminare qualsiasi danno dalla società umana. Il testo ci informa sulle leggi relative ai danni che gli individui si infliggono a vicenda. La forma di danno apparentemente più grave è l’omicidio. Inizia: "Ma se un uomo complotta deliberatamente contro il suo amico per ucciderlo con astuzia, [anche] dal Mio altare, lo porterai a morte". Una persona non può nascondersi dietro il fatto di essere impegnata al servizio dell’Onnipotente quando danneggia l’anima del proprio prossimo. 

Successivamente, il testo scende nella gerarchia del danno, affrontando lesioni fisiche come danni fisici, come “occhio per occhio, dente per dente”. Successivamente si verificano anche danni materiali, ad esempio quando il bue di una persona danneggia il bue di un'altra persona. Poi ci sono leggi riguardanti azioni senza danno fisico diretto, come leggi riguardanti furto e rapina. Pertanto, il testo è organizzato in modo ponderato, iniziando dai danni più gravi per passare a quelli meno gravi e al loro trattamento. 

Tuttavia, qui c’è una sorpresa. Prima delle leggi relative all'omicidio, esistevano leggi sulla schiavitù e su come liberare le persone schiavizzate. Cosa ci insegna questo? Che privare una persona della sua libertà è più grave che togliergli la vita. Quando una persona toglie la vita a un suo simile, danneggia effettivamente il suo corpo biologico, ma non la sua anima. Al contrario, nel caso della schiavitù, c’è un impatto significativo sulla parte più significativa di una persona: la libertà. 

Pertanto, la Torah inizia, ancor prima delle leggi sull'omicidio, con le leggi sulla libertà e sulla schiavitù dell'uomo. Pertanto, comprendiamo la profondità delle parole dei nostri saggi quando dicono: "Non hai persona libera se non colui che è impegnato nella Torah". Il significato è: se vuoi impegnarti nella Torah, devi essere qualcuno che ama la libertà. Una persona che è mentalmente o emotivamente schiava di un'altra persona, idea o ideologia non è ancora libera di accettare la Torah. Oppure, come disse Rabbi Judah Halevi: "Gli schiavi del tempo, cioè gli schiavi del mondo, sono schiavi degli schiavi. Solo il servitore di Dio è veramente libero".

nt="1"> 

More Articles

A Bridge between Faiths
An Open Letter to Islam
[Part 1]

Rabbi Oury Cherki's "A Bridge between Faiths: An Open Letter to Islam, Part 1" delves into the intricate dynamics between Judaism and Islam post the 2023 Hamas attack on Israel. The piece probes the philosophical and legal facets of Islam's status in Jewish literature, uncovering points of unity and contention. Cherki scrutinizes Islam's potential for spiritual progress and calls for a nuanced understanding amid the unique historical context. The article accentuates the scarcity of literature exploring Judaism's stance on Islam, presenting itself as a contribution to fostering mutual comprehension.

Cherki elucidates the shared beliefs in monotheism, rejecting God's corporeality and idolatry, while acknowledging differences in their understanding. Notably, he highlights the significance of the Seven Noahide Laws, urging Islam to embrace them more unequivocally for enhanced cooperation. Judaism's recognition of Islam as a sister religion and the potential for collaboration are explored alongside historical perspectives, celebrating the initial affinity between the two faiths.

However, the article confronts substantial disagreements, including Islam's assertion of the nullification of the Mosaic Torah and claims of corruption by Jews. It underscores the necessity for Islam to acknowledge the eternal validity of the Torah and the divine promise of the Jewish return to their homeland. Cherki posits three prerequisites for Judaism to accept Islam as a legitimate religion for all, calling for recognition, abandonment of claims of corruption, and acknowledgment of the divine promise.

Concluding with a call for peace, Rabbi Oury Cherki sets the stage for Part 2, promising an exploration of Muhammad's status, Judaism's potential contributions to Islamic faith, and more. This open letter seeks to build a bridge between the believers in the One God, urging Islamic religious leadership to engage in dialogue on critical issues for future harmony.

Search